meetyourMOOD: Oceano Mare è un MOOD tutto da leggere

25 settembre 2015

Oceano Mare è un MOOD tutto da leggere

BuonGiorno MOODers,

è proprio tanto che non ci facciamo sentire. È stata un'estate movimentata la nostra, ricca di divertimento, ma anche di tante idee, alcune che si stanno concretizzando, altre che rimangono lì, a prendere forma lentamente.
L'estate porta sempre consiglio in qualche modo: ci permette di fermarci e di mettere in ordine i pensieri, di stabilire le priorità, di capire i nostri bisogni.

Durante l'estate leggo più frequentemente, con pazienza; riesco a non farmi frenare dal ritmo veloce dei miei pensieri e a concedermi totalmente alla lettura, immergendomi nelle storie che leggo e dimenticandomi per alcuni attimi della vita reale.
Quando tra gli Home Style Bloggers si è diffusa l'idea di una rubrica nomade nella quale ognuno doveva cercare ispirazione da un libro o un film per raccontare una casa, ho pensato subito a Alessandro Baricco e a Oceano Mare, romanzo che adoro e che rileggo ogni tanto (così come Mr Gwin, del resto).

La seconda cosa che ho pensato è che in realtà si tratta esattamente di ciò che noi facciamo ogni settimana: partiamo da uno spunto qualsiasi, che sia un libro, un film, uno stilista, una stagione o un momento della giornata e proviamo a immaginare la casa perfetta per quel MOOD.
Non l'avevamo mai fatto con un libro, ma sono certa che questo non sarà l'ultimo. 


"Lui saprebbe inventarla una strada, qui, in mezzo a questo silenzio, in questa terra che non vuole parlare"


Oceano mare è un romanzo che racconta tante storie, un po' come tutti i romanzi, ma oceanomare racconta storie di mare, racconta l'oceano crudele e il mare infinito, l'oceano da scoprire e il mare da ammirare; racconta storie di persone che si intrecciano esclusivamente nel loro legame con il mare, e dal mare ripartono.

Di Baricco adoro i non luoghi, i non tempi, la leggerezza delle sue parole e la sensazione che ne rimane, di una storia bellissima, che da qualcuno doveva essere raccontata, e che doveva essere raccontata così, con la punta della penna leggera, per lasciare solo una sensazione, non un ricordo, ma una sensazione...

Probabilmente non mi sono spiegata, ma è il massimo che riesco a fare. Forse mi capirete soltanto dopo aver letto un suo romanzo e aver fatto passare alcuni mesi: in quel momento, se di quel romanzo non avrete un ricordo preciso, ma una sensazione molto forte, allora potrete capirmi, e forse solo in quel momento penserete che non sono matta.

Ma torniamo a Oceano Mare; si parla di mare, in Oceano Mare, e si legge di un mare che è in tutti i modi possibili: un personaggio cerca di conoscerne la fine, un altro lo dipinge, utilizzando esclusivamente la sua acqua, un altro ancora cerca di curarsi stando accanto al mare...insomma, il mare è importante, non potrebbe non esserlo, ed è la sensazione che il libro lascia. 

"Il mare – vide il barone sui disegni dei geografi – era lontano. Ma soprattutto – vide nei suoi sogni – era terribile, esageratamente bello, terribilmente forte – disumano e nemico – meraviglioso. E poi era colori diversi, odori mai sentiti, suoni sconosciuti – era l'altro mondo."

Una casa oceano mare MOOD è una casa che lascia una sensazione di pace, ma allo stesso tempo incuriosisce: è una casa tattile ma evanescente, caratterizzata da superfici e materiali diversi. I colori vanno dal blu al grigio passando per un sabbia molto delicato: è un mare invernale, infinito, a tratti spaventoso, ma sempre molto affascinante.

"Dove inizia la fine del mare? O addirittura: cosa diciamo quando diciamo: mare? Diciamo l'immenso mostro capace di divorare qualsiasi cosa, o quell'onda che ci schiuma intorno ai piedi? L'acqua che puoi tenere nel cavo della mano o l'abisso che nessuno può vedere? Diciamo tutto in una sola parola o in una sola parola tutto nascondiamo? Sto qui, a una passo dal mare, e neanche riesco a capire, lui, dov'è. Il mare. Il mare."
Ho provato a pensare al perfetto angolo lettura per leggere questo libro: i colori sono quelli del mare d'inverno, e gli oggetti sono accoglienti e bellissimi.

Ecco cosa ho scelto dalla vetrina online di LOVEThESIGN:
1. Libreria Ptolomeo by Opinion Ciatti
2. Tappeto Whisper by Amini ABC
3. Pouf Swing by Atipico
4. Cuscino Small by Steelwood concept
5. Poltrona Condesa by Ok design
6. Tappeto Stone by Lilipinso
7. Mappamondo Vision by Atmosphere New World

"L'unica persona che mi abbia davvero insegnato qualcosa, un vecchio che si chiamava Darrell, diceva sempre che ci sono tre tipi di uomini: quelli che vivono davanti al mare, quelli che si spingono dentro il mare, e quelli che dal mare riescono a tornare, vivi. E diceva: vedrai la sorpresa quando scoprirai quali sono i più felici."

Buona lettura,
Carlotta


da PensieriParole

Nessun commento:

Posta un commento

Se lasciate commenti vi risponderò, con calma ma vi risponderò, promesso!

▼▽▼▽▼

Tessy

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...