meetyourMOOD: FRIDA KAHLO finalmente a Genova! ... e come per incanto diventa MOOD!

06 novembre 2014

FRIDA KAHLO finalmente a Genova!
... e come per incanto diventa MOOD!

Genova in questi giorni non è solo pioggia, c'è Frida Kahlo!


Buongiorno a tutti amici e amiche di meetyourMOOD!

Lunedì pomeriggio sono finalmente riuscita a dedicarmi (a me stessa, sì, finalmente!) qualche ora per visitare la mostra Frida Kahlo e Diego Riviera, qui a Genova. Prima di tutto parto con un consiglio, se riuscite andate il primo lunedì del mese, con mia somma sorpresa l'ingresso è eccezionalmente al prezzo ridotto di 2 euro, e di questi tempi...., contro i 13 degli altri giorni (e qui potrei esibirmi in una certa polemica ma lascio stare), al che ho deciso di regalarmi anche l'audioguida, cosa che non faccio mai e vi dirò, sono stata più che contenta!

Purtroppo non ero riuscita ad andare alla mostra alle Scuderie del Quirinale dove pare ci fosse una collezione più completa (qui la lista ufficiale per i santommasini del caso), ma devo dire che sono stata particolamente soddisfatta del mio pomeriggio all'insegna dell'arte. Una storia ben raccontata, frequenti le didascalie, addirittura in doppia lingua HOLLé!, perfette le luci e curiosi i video, le fotografie e i materiali accessori.

Ho sempre ammirato l'arte di Frida per i suoi colori, per il fascino innato della sua personalità, per la sua storia e l'espressione quasi naif delle sue immagini. Mi da un senso d'irrequietezza: seducente e ammaliante, sempre pronta a esporsi davanti alla macchina fotografica, innamorata di un uomo molto più anziano di lei, lei bellissima. Frida Kahlo, figlia di un fotografo che "fotografandola e rifotografandola, le diede la consapevolezza della sua bellezza e del suo valore. Un dono di autostima che probabilmente fu una parte importantissima della sua capacità di reazione ai cicloni della vita"


Colorata negli abiti tradizionali delle società matriarcali dell’Istmo di Tehuantepec, per mandare un messaggio tramite se stessa, in un linguaggio fatto di codici e icone. Sguardo teso, imperscrutabile e sofferente nonostante i sorrisi. Malinconica e certamente grandiosa, come potevo non cogliere l'occasione di una giornata così per un MOOD sperimentale?


Ecco a voi Frida nella casa che vorrei....

The Frame, autoritratto di Frida Kahlo, 1938

Nickolas Muray Frida sulla panchina bianca, New York, 1939 

Yo y mis pericos, 1941

Coyoacán, México, 1941

Portrait of Lucha Maria, Girl from Tehuacan, or Sun and Moon, 1942

Self Portrait, 1948


Tutti pronti per la MOODboard a tutto design di Carlotta?

Appuntamento a Sabato!

Nessun commento:

Posta un commento

Se lasciate commenti vi risponderò, con calma ma vi risponderò, promesso!

▼▽▼▽▼

Tessy

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...