Paper boat è il mio MOOD, non solo in estate | meetyourMOOD

25 July 2014

Paper boat è il mio MOOD, non solo in estate


Buon Giorno amici di myM, buongiorno Tessy,

Oggi vi scrivo dai Laghi Alimini, in provincia di Lecce... Sarò in Puglia per una settimana, ma di questo vi racconterò meglio nel prossimo post. Quest'ultima é stata una settimana di riflessioni: dopo aver letto il post di Tessy (cavoli Tessy, mi hai fatto sfigurare: io musica e cazzeggio e tu riflessioni e serietà!!!) ho ripercorso il mio ultimo anno... un anno di novità, di sfide, di cambiamenti, ma anche un anno di duro lavoro... 
Ormai lo sapete, io sono un'ingegnere edile: la maggior parte di voi penserà che ci fa un'ingegnere edile a parlare di MOOD e fare progettazione di interni? Non preoccupatevi, molte delle persone che mi sono vicine lo pensano, lo leggo nei loro occhi quando mi dicono frasi come Che bel lavoro! o Ah! Bello! o ancora E perché hai studiato ingegneria? La verità é che non so esattamente cosa ci faccia un'ingegnere edile a parlare di MOOD, so però cosa ci faccio io a parlarne.

Ho scelto di studiare ingegneria edile a 19 anni perché amo l'architettura, ma non volevo abbandonare la forte capacità matematica che mi ha sempre contraddistinto e sono felice della mia scelta. Mi sono laureata in 5 anni con il massimo dei voti perché ho sempre studiato ciò che mi piaceva e mi appassionava; negli anni mi sono sempre più interessata alla progettazione architettonica. Poi, dopo la laurea, ho rincontrato Tessy e la storia la sapete.
Quando ti butti a capofitto in un'idea in cui credi, devi avere la forza di mettere in discussione molte cose che pensavi fossero ormai parte di te e del tuo modo di vivere: quest'anno ho pensato molto più a ciò che volevo fare e meno a ciò che dovevo fare; ho messo in primo piano la felicità e ho cercato di capire come fare a raggiungerla. Ho scoperto che amo la comunicazione visiva, che mi sento viva ad un concerto o, più semplicemente, alla presentazione di un libro, che mi fa sentire bene scrivere di me stessa nero su bianco. Ho capito che per stare bene devo imparare cose nuove, che amo ascoltare tutti, ma riesco a parlare con pochi. Ho realizzato che sono estremamente adattabile, che amo viaggiare, e anzi, che viaggiare é assolutamente vitale per me



Viaggiare mi fa sentire libera, mi avvicina alla mia idea di felicità, perché viaggiare a modo mio é viaggiare imparando, é viaggiare ascoltando, é viaggiare per conoscersi meglio: paper boat é il mio MOOD, d'estate e d'inverno. Paper boat MOOD é il viaggio con il naso all'insú, con gli occhi di bambino e la voglia di scoprire dell'esploratore; paper boat MOOD é voglia di condivisione di storie e momenti da custodire, di risate travolgenti e silenzi preziosi; paper boat é la ricerca di qualcosa di nuovo, in ogni momento. 

È svegliarsi alle 4.30 per vedere il Sole spuntare dal mare, è passare la notte in riva al lago attorno a un faló, è vagare mano nella mano per una città nuova seguendo l'uno i passi dell'altro. Paper boat è il MOOD che mi rende felice, è il MOOD a cui non voglio rinunciare. Ora vi saluto, vado a fare un bagno. Vi lascio con gli oggetti che ho scelto per questo MOOD.



The Pin World, per non dimenticarsi mai di tutti i posti che ci sono ancora da visitare
Flat Boat, perché una barchetta di carta è preziosa
► Romana, per esplorare il mondo 

Martedì prossimo vi racconterò della mia settimana pugliese! Un abbraccio, Otta

No comments: