WEBERT, anche i rubinetti hanno un MOOD | meetyourMOOD

16 April 2014

WEBERT, anche i rubinetti hanno un MOOD


Sesto appuntamento con la rubrica aquattromani, una chiacchierata a due teste sul design: confronti, riflessioni e digressioni a suon di tastiera...
Let's start!

C: Buongiorno blogger, come stai?
T: Ahahahah cominciamo bene! Tutto ok a parte le migliaia di cose che sono rimaste indietro durante la nostra settimana milanese! Tu?
C: Leggermente stressatina, ma bene...non ti manco neanche un po'???
T: Claro que si! Più che un po'... Ma non preoccuparti, ho un sacco di foto da guardare per ricordarmi il tuo bel faccino ;)
C: Ahahahah sciocca! Lascia stare il mio povero faccino...
T: Ma non si lavora oggi?
C: No, oggi solo relax! Dai scherzo...le cose viste al salone hanno sovraccaricato la mia mente, quindi ora bisogna iniziare a mettere in ordine i pensieri...LET'S WORK!
T: Yes! Finalmente un ritorno alla scrivania e alle lunghe sessioni online... mi mancano le lunghe passeggiate!! Sto rimettendo a posto i primi bigliettini da visita e mi sono soffermata su Webert: ti consiglio di seguirmi!
C: Webert...sto guardando il sito...interessante. Mi piace molto la sezione bagno.
T: Hai visto quanti MOOD? E' l'azienda perfetta per noi!
C: Esatto! Per la serie...anche i rubinetti hanno un'anima...ops...un MOOD.
T: Ora deformati professionalmente e lasciati trasportare dall'arredo bagno mia cara.
C: Sono pronta!
T: Io ho già individuato il tuo preferito mi sa...
C: Spara
T: Wolo!



C: Bravissima...tu mi conosci bebi :) Mi piace molto, design originale, netto, ma non eccessivo.
T: Eames MOOD, come sei tu!
C: Occhi a cuore per te...
T: Linee sinuose molto ingegneristiche...
C: Sì, in Wolo si percepisce chiaramente una storia progettuale, come in tutti i progetti di Charles e Ray Eames.
T: Chi è il designer?
C: Massimiliano Settimelli. Dai un'occhiata alla storia di Wolo raccontata da Simona su Bagnidalmondo!
T: Carina!
C: Poi hai visto la finitura nera?
T: Sì, molto maschile...mi ricorda le finiture automobilistiche.
C: Da Eames MOOD a Borsalino MOOD in un attimo ;-)

T:  Ora indovina il mio preferito! Ti do un indizio... c'entra con il circo!
C: Il circo dici...quindi un Circus MOOD...spiritoso e mai scontato...Conic?


T: Yes! Preso! E' ironico, curioso e imprevedibile.
C: Assolutamente, è perfetto per un bagno divertente, per una famiglia con dei bambini...
T: Ero indecisa tra quello e Aria...mi trasporta in viaggio intorno al mondo...soffice e leggiadro... come una sorgente naturale. Hai visto la colonna doccia? Un sogno...


C: Sì, infatti...altro che viaggio intorno al mondo...con una colonna doccia così non vedi l'ora di tornare a casa.
T: Eheheh, certo, se vivi in una casa Passeggiata nel bosco MOOD, dove i richiami alla natura sono costanti, dove una doccia diventa un'esperienza...
C: Bosco con cascata...lo vedrei anche per un'alba vista mare.
T: Alba vista mare MOOD è per forza Aurora! Hai visto le variabili cromatiche in cui viene proposta? E poi e affusolato come le pietre sulla spiaggia, mosse dalle onde...


C: Già, leggero e delicato...un MOOD classico e romantico.
T: Sì, bon ton...per un bagno dalle tinte pastello.
C: E invece che mi dici di Living? Dior MOOD secondo me...


T: Mi piace parecchio! Minimale, ma deciso, sicuramente Dior!
C: Semplice e raffinato!
T: Unisex!
C: Senza tempo!
T: Mi piace quest'azienda...è giovane e moderna, risponde ai requisiti imprescindibili del design contemporaneo: raffinatezza, cura dei dettagli e affidabilità.
C: Infiniti MOOD uniti da un'unica condizione: il Made in Italy.
T: Chi avrebbe mai immaginato che un l'arredo bagno potesse avere così tante sfaccettature e complessità? La rubinetteria è davvero un dettaglio da non perdersi quando si pensa ad un ambiente...
C: Assolutamente...i dettagli fanno la differenza...è una frase che sembra scontata ma è imprescindibile, attenzione dalla fase progettuale a quella realizzativa, accuratezza nei materiali e affidabilità di un'azienda che dal 1975 è uno dei leader dell'arredo bagno italiani, potrebbe essere uno dei nostri riferimenti per i nostri progetti.
T: Effettivamente gli elementi della rubinetteria devono adattarsi a persone molto diverse, e ad un'utilizzo indispensabile...è comunque un prodotto che deve durare nel tempo, non deve stancare, è una scelta da non prendere alla leggera.
C: Certo, soprattutto in un bagno di dimensioni ridotte, la rubinetteria diventa centrale...riesce a cambiare totalmente la caratterizzazione dell'ambiente; ed è ovvio che la qualità diventi di fondamentale importanza.
T: Sì, è determinante e di Webert mi piace la creatività, la passione nel progettare gli elementi...e poi producono tutto nella loro azienda!
C: Peraltro con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
T: Segniamocela per uno dei prossimi progetti, che dici?
C: Certo che sì! Già fatto! ;)

1 comment:

Francesca said...

Che simpatica idea quella di #aquattromani, mi avete fatto rivivere perfettamente la situazione e fatto fare 4 risate. Una scusa in più per continuare a seguire il vostro blog di arredo moderno on line.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...