MEET◀◀Eames◀◀MOOD_Casa Eames | meetyourMOOD

09 November 2013

MEET◀◀Eames◀◀MOOD_Casa Eames



◀◀Charles e Ray Eames◀◀ passavano buona parte della loro giornata allo Studio 901, con i loro collaboratori; ma qual era la loro casa? Dove viveva una delle coppie icona del Ventesimo secolo?

Ecco la storia di ◀◀Casa Eames◀◀








Nel 1945 John Entenza, direttore della rivista Arts &Architecture, decise di lanciare il programma Case Study Houses, che consisteva nella costruzione di case progettate nel territorio angeleno da architetti sperimentali, quali Rudolph Schindler, Richard Neutra, William Wilson Wurstel, Raphael Soriano, Craig Ellwood, Pierre Koenig, Quincy Jones, allo scopo di dimostrare concretamente i vantaggi di un modo più contemporaneo di intendere l’abitare. Le case dovevano essere costruite e arredate con materiali e tecniche derivate dalle esperienze della Seconda Guerra Mondiale. Il programma durò sino agli anni Sessanta e vide la realizzazione di 27 abitazioni unifamiliari e di due edifici ad appartamenti. Proprio nel 1945 Charles Eames e Eero Saarinen proposero i progetti di Case Study House #8 e Case Study House #9, nelle Pacific Palisades, che non vennero costruite data la difficoltà nel reperire acciaio durante la guerra. 

La ◀◀Case Study House #8◀◀, che doveva essere posta nel centro di un campo, prevedeva una struttura con componenti in ferro scelti da catalogo e una tamponatura con pannelli in legno colorati e finestre anch’esse di produzione industriale.

Negli anni seguenti Charles e Ray passarono molto tempo nel campo dove doveva essere costruito l’edificio e “se ne innamorarono”; perciò decisero di modificare il progetto posizionando la casa a lato del campo: in questo modo, il nuovo design integrava la casa nel paesaggio, anziché imporlo su di esso. I materiali e le componenti prefabbricate che erano stati reperiti vennero assemblati in modo diverso da quello previsto nel progetto originario, quasi a dimostrare che anche con prodotti prefabbricati è possibile  pensare a realizzazioni tra loro diverse.
 
Alla vigilia di Natale del 1949 ◀◀Charles e Ray Eames◀◀ si trasferirono nella loro nuova casa.

Concreta nel suo pragmatismo costruttivo, la Case Study #8 rappresenta l’antitesi al sin troppo raffinato metodo costruttivo miesiano, che presto conquisterà molti architetti americani. Realizzata quasi in contemporanea con la Casa Farnsworth (1945-1950), la residenza degli Eames, infatti, se ne distacca per la sua concretezza, per il suo lessico più popolare: è, come è stato notato, la manifestazione, sia pure in forma spettacolare, della vita di tutti i giorni e non l’ipostatizzazione di un concetto di bellezza operata, in nome di principi assoluti, per mezzo della riduzione a pure essenze degli elementi in gioco.
Se da lontano, la casa assomiglia ad un quadro di Mondrian, estremamente all’avanguardia, all’interno l’alloggio è riccamente decorato con good stuff: tutto ciò che la coppia raccolse durante i suoi viaggi (cellulari, canestri di giunco​​, arte nativa americana, bambole giapponesi). La casa rappresenta dunque una vita vissuta; ogni superficie, dal pavimento al soffitto, è trattato come un canvas per l’arte di Ray…gli oggetti si affiancano e compongono immagini interessanti e complesse...una particolarità sono i quadri di Hans Hoffman appesi al soffitto.
 
Charles e Ray vissero nelle Pacific Palisades fino alla loro morte (Charles nel 1978, Ray lo stesso giorno 10 anni dopo).

◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀◀


A Los Angeles è stata creata una Fondazione allo scopo di conservare la casa dei coniugi Eames.
I fondatori sono i discendenti di Charles Eames, ossia la sua unica figlia Lucia nata dal primo matrimonio (Charles e Ray non avevano figli) che è stata finora proprietaria della casa. Con la fondazione, Lucia Eames e i suoi cinque figli non vogliono solo conservare la casa, ma anche far conoscere ad un pubblico più vasto l’opera dei coniugi Eames e dare un seguito alla loro eredità creativa tramite un’attività didattica. 
La settimana EamesMOOD è finita...ma vogliamo chiudere il quadro della Famiglia Eames...passati alla storia come designer, soprattutto di sedie, la produzione poliedrica di Charles e Ray Eames si sviluppò anche nel campo del cinema.
A domani...con l'ultimo capitolo di MEET◀◀Eames◀◀MOOD.

No comments: