Meet Your MOOD è geometria | meetyourMOOD

18 September 2013

Meet Your MOOD è geometria

Ben tornati agli affezionati e un benvenuto a tutti i nuovi, il nostro racconto si sviluppa e dopo i colori parliamo di geometrie. Geometrie che conquistano, che definiscono, che collegano, che arricchiscono.

Tramite la ricerca e l'analisi di esempi di architettura vogliamo esprimere a voi il nostro MOOD, farvi capire il nostro pensiero e il nostro approccio nei confronti dell'architettura di interni e dell'architettura dell'immagine, fatta di luoghi di relazione, fatti di famiglie, studenti, luoghi del lavoro.

Raccontarci tramite il blog è essenziale per noi per esprimere il nostro modo di progettare, che parte innanzitutto dal materiale che ci viene dato, che parte innanzitutto da voi!
Meet Your MOOD è un'intenzione.


⊪ Partiamo dalle RIGHE, le geometrie più usuali e consuete divertono, decostruiscono, e riassemblano, sono accento di colore che spezza la monotonia, che de-linea una nuova dimensione.


⧈ Linee che s'incontrano in ortogonale e definiscono una superficie. Quadrati e RETTANGOLI s'impongono come elemento cromatico forte, o texture che raccorda, compatta, inquadra o incornicia le geometrie strutturali dando corpo e definizione, anche quando l'azione è sussurrata.


△ forme spigolose e movimentate, i TRIANGOLI giocano con lo spazio, lo scompongono dando energia. Il triangolo è una freccia, punta verso una direzione, se pieno crea ombre nei suoi angoli, se ripetuto confonde, in ogni caso predomina.


◎ La forma perfetta, cerchio e sfera, esprimono fantasia e voglia di sognare. Si possono scomporre e ricomporre, assemblare e ripetere all'infinito senza mai perdersi, sono perfette imperfezioni che esprimono un'idea.


◘ Color block è purezza delle forme, nitidezza dei materiali e geometria del colore.  Più degli altri si unisce al tema delle superfici e del materiale, che insieme al colore determinano l'effetto globale. Con la sua forza il color block annienta le geometrie strutturali facendo predominare le sue intenzioni. 

No comments: