meetyourMOOD

14 gennaio 2017

Messaggio confidenziale in stato confusionale

 
[mentre mi godo solitaria la libertà]

Il 2017 è iniziato, oggi. In uno stato emozionale confuso, ribelle e un po' tetro. 
Un anno termina, il seguente prende posto, e a parte tutta la foga delle feste, la differenza pare poca, agenda a parte. E ognuno imperterrito riprende, a impersonare la propria -parte. 

Proprio ieri guardavo Minimalism: A Documentary About the Important Things e, più lo guardavo, con tutte le sue ripetizioni e frasi fatte, più mi prendeva lo sconforto, la domanda è: ma se tutti diventassimo minimalisti, dall'oggi al domani, non richiedendo più nulla, vivendo di poco, vivendo di vero, che ne sarebbe di noi? Quante persone perderebbero il lavoro perchè parte di quella catena sostenibile solo dal mercato del consumo senza possibilità di integrarsi in un sistema fatto di necessità basiche, di criteri di esistenza basati sulla felicità, sulla semplicità.

Pensavo a quanto ultimamente ci piacciono le case alla nordica, belle nella loro semplicità, e quanto nel frattempo non vediamo l'ora di arricchirci, di possedere, di guadagnare di più per possedere di più, e meglio.

Sono confusa e penso che forse dopo essermi persa nel bianco, questo mese mi potrei ritrovare nel nero, denso. O almeno spero.

Devi essere felice 

 Bisogna essere felici 

 Bisogna che tu sia felice 

Felicità 

Sorriso 

Sempre sorridere 

Sono felice 

Ho trovato la felicità 

O felice o nessuno 

Felicità e stupidità 

Ridere

Felicità è stupidità 

 La stupidità piace 

Il sorriso piace 

Sorridi di più 

 Sorridi sempre 

 Come sei bello quando sorridi 

Solo sorrisi 

Sole è sorrisi 

Sorrisi al sole 

Per il resto, noia 

Felicità è popolarità 

 Felicità è polare 

Poli di felicità 

Gennaio è N E R O 

Nero come la pece, nero come la Pace




I was talking with a friend a couple of days ago... 

I suddenly decided to move house, I didn't have any proper reason to do it this time, I'm not sure about all the other times, but this in particular... well I just felt like it was what I wanted to do, now, and as most of times, I just did... Anyways... We were talking about the energies, about karma, about how we feel at the beginning of the year, about all the pressure on the shoulders after a long year, another intense one. I figure out that the only reason I had, and I won't call it escaping, was leaving all behind. And my nest, and all my boxes coming with me and all the rest abandoned, again, are the path for a new start. I need more energy, new fresh one. This is what house means to me. A place to restore and put things into places, to assemble, to reflect my identity, organizing my soul, taking the rythm of the moment, a place with no roots, a temporary roof, possibly surrounded by nice people to share the travel with and than at some point move on. 

Again. 

Am I wrong? 

Am I smiling enough ? 

Am I smiling too much? 

I am wondering 

I am wandering 

I am lost

2017 starts today, I wear black.  


[on my own way]

30 dicembre 2016

The story of a blossom you can shape yourself and will become light

 

 Hello MOODers!

This  article has been in stand by for such a long time that I have the feeling I am writing in the past.
To be precise it's a nice story connected to the trip to Helsinki with the WEBLOGers back in May...

Click on the book to see what happened.
http://bit.ly/WEBLOGfinlandia_book


Long story short, one of our tour guides was this finnish blond young lady, Noora. 
We met on a Saturday morning in the Helsinki Design District, during the decluttering day in which people sell their unused stuff in the public gardens in the city centre.



She welcomed us wearing a simple denim top made from recycled materials, skinny jeans, platform sandals and a french bob haircut, a gentle and determined smile and elegant beauty.

She lived in London for a few years, before moving back to Finland with her french husband, she is a jewelry maker and very passionate about independent design. So much in common straight away and we started talking and talking for the most of that day. 

Me and Noora we kept in contact since than hoping to meet again soon ...and a while ago me and Carlotta we received some presents from the brand she now works for. be&liv.

Born in 2012, the philosophy of the brand is "to bring the poetry back to everyday life with beautifully engineered design objects." Organic forms, combined with the most precise manufacturing techniques. 

A part of the objects themselves which are just stunning, I love the idea of the flat packages: sustainable book looking boxes holding the pieces to easy assemble, making the whole dynamic an unforgettable design experience.

It's time to show you Blossom in the two concept : 
lampshade and tealight candle holder 

Design by Janne Uusi-Autti, engineer

A precise system of metallic petals folded and shaped around a circular base.

Styling by Carlotta Berta di unprogetto.com
Photography by Davide Buscaglia

 
 






12 dicembre 2016

Organizzare l'ambiente bagno non è mai stato così semplice

[Storia di una vera disordinata in via di guarigione]



Heilà MOODers!

Ho appena finito il leggere 1984 di G. Orwell e potete capire il mio stato d'animo:

A N S I A .

Tra l'altro inavvertitamente il periodo ha coinciso con la visione di Black Mirrors, per cui neanche a dirlo, la combo ha fatto si che abbia vissuto giorni terribili. Il problema sono state le notti: un misto di incubi e sogni talmente banali e reali che per giorni ho vissuto situazioni tipo "Ti ho già mandato quella mail" e invece niente, era successo solo nel mondo parallelo ad occhi chiusi...

Così, risultato di questa intensa sessione di sgomento e perplessità per il futuro ( con annessa consapevolezza di non avere molta voce in capitolo su "ciò che ne sarà di noi", e per noi intendo genere umano), ho potenziato le mie difese e attivato la modalità : vivere nel presente. [ ricordate i compiti della settimana? Ebbene sì, ce l ho fatta! ]

Nel frattempo ho anche iniziato ad applicare la tanto decantata tecnica del decluttering e, devo ammetterlo, su di me funziona e con risultati strabiglianti! Non appena mi sono liberata di tutto il superfluo e ho dedicato un po' di tempo a riorganizzare il resto, la fase del "mettere a posto" è diventata molto più semplice [e rapida] ma soprattutto, e

 questa è la vera svolta: ho più difficoltà nel creare disordine!

Incredibile ma vero, basta seguire i passaggi step by step e il risultato è stravolgente: più tempo da dedicare ad altro che non sia risistemare il caos, migliore concentrazione e meno imbarazzo ad invitare amici a casa all'ultimo minuto ...

Ma se per me in versione blogger si tratta sempre solo di parole, ci sono i designer che vengono incontro a queste necessità, per cui se avete intenzione di arredare il vostro bagno e volete partire avvantaggiati in termini di ordine e organizzazione vi consiglio di fare un giro da IDEAGROUP che ha studiato soluzioni capaci di adattarsi a diversi MOOD grazie alle numerose varianti colore e materiali.

In particolare ecco le soluzioni che ho selezionato per voi:

COLLEZIONE : BASIC by BLOB
MOOD : Minimal ed elegante
CARATTERISTICHE : Funzionalità, design ed essenzialità





COLLEZIONE : NYU' by AQUA
MOOD : Timeless, elegante ma discreto [ perfetto per EILEENFISHER MOOD ]
CARATTERISTICHE : Mobilità e accessibilità in favore del comfort



COLLEZIONE : SENSE by AQUA
MOOD : Moderno e flessibile
CARATTERISTICHE : Innumerevoli possibilità di personalizzazione, incluse specchiere di design


COLLEZIONE : SPAZIO TIME
Per chi ha la fortuna di poter dedicare un ambiente alla lavanderia 
[non io, non adesso, forse mai]
CARATTERISTICHE : Una collezione che si adatta perfettamente all'arredo bagno 
grazie a una vasta gamma di finiture disponibili: estetica e innovazione 
per elementi modulari e personalizzabili





10 dicembre 2016

EILEEN FISHER is a MOOD!

The MOOD of respect: for the people, for the Earth, for the past and the future

"I have always thought of the company as being about more than the clothes. Creating meaningful impact in the world is at the heart of it. Business has the power to make a difference, and can be a movement around social change."


MOOD : EILEEN FISHER


PECULIARITY :  It's all about materials and respect. 
The house is the NYC loft kind of style, with white painted bricks, industrial details and light wood floor, love for the old, becoming timeless. In fashion the MOOD translates into the best selected materials, from silk to cashemere, etically produced and comfortable to use: everyday and forever. 

This is an invitation to all of you interested into eco fashion and sustainability, to make some research on this brand I have the luck to work for. There is so much to say about it, it's a movement rather than a fashion business, it's a Company that starting 30 years ago has started to take care of the whole fashion process, starting from the field ... ending with the GREEN EILEEN.

But no worries, I'll be back with a friend ( and expert ) to give you more details!



COLOURS : BONE WHITE • BARK • MAPLE OAT • PEARL GREY



Il MOOD Eileen Fisher è dedicato all'azienda americana fondata dall'omonima EF: interior e graphic designer che un giorno, dopo l'ennesimo risveglio rovinato dalla difficoltà di decidere cosa indossare per la giornata, decise che era giunto il momento di trovare una soluzione a lungo termine al problema. 

IL CONCEPT: abbigliamento semplice, facile da abbinare e creare nuove combinazioni, materiali di qualità e  

abiti che non seguano la moda, ma che non passino mai di moda: TIMELESS !

Così nacque la prima collezione: 5 pezzi, che vengono ancora rivisitati e prodotti in ogni collezione. 

LA MISSIONE: gestire tutto il processo aziendale (dalla produzione alla vendita) seguendo procedure etiche, in rispetto dell'ambiente e delle persone. 

Da quel momento, 30 anni fa, il brand è cresciuto, la ricerca nei materiali ha fatto strada, talvolta abbandonando alcuni prodotti tessili dalla produzione perchè non capaci di rispondere alle richeste e altre con l'introduzione di nuovi, spesso riciclati. 
Un grande progetto è il GREEN EILEEN, basato sul recupero [upcycle, la mia mania] e il riutilizzo di indumenti non utilizzati... e tanto altro ancora!

Da quando lavoro per EF la mia vita è cambiata, ho sempre sentito la necessità di essere parte di un sistema coerente e rispettoso, onesto e unito nella visione di un mondo migliore. Purtroppo in Italia non è ancora presente, ma se passate a Londra ci sono ben quattro store e io sarei felicissima di portarvi a spasso tra i nuovi tessuti e colori, fatemi sapere.


HUGS & BACI
Tessy
<< back to
http://www.meetyourmood.com/2016/10/DUSTY-CEDAR-PINK-let-me-be-mood-house-home-decor.html

08 dicembre 2016

UN REGALO DI NATALE IN ANTICIPO DA PIXTURY.COM :

PER UN NATALE IN BIANCO

 
poster: PIXTURY.COM
vaso cilindrico: HABITAT
portapenne/ porta cactus in cemento : KIKKERLAND

Qualche tempo fa meetyourMOOD è stato contattato da pixtury.com in quanto "Blog autorevole di Interior Design" ... e già con questo si sono guadagnati un sacco di punti! ... per ricevere un regalo (o meglio due).

PIXTURY, COS'E'?

I ragazzi raccontano "è una startup che promuove stampe artistiche di fotografi emergenti come elemento d'arredo originali per il grande pubblico, cercando di fornire un'alternativa ai soliti poster di massa e dando spazio ai giovani artisti che, altrimenti, difficilmente riescirebbero a trovare la visibilità (che meritano, aggiungo io)."

Quindi, fotografi all'appello: questo è un invito per voi!

Con una presentazione così, la risposta è stata immediata: "molto felici di ricevere una delle vostre stampe!" Poi la storia si è un po' complicata per ragioni che tutti ormai sapete ma, insomma, le promesse si mantengono e oggi vi mostro il mio poster, stampa fotografica 40x40, anche se il loro must paiono essere le stampe su tela, originali e personalizzate.

Ho scelto una foto dal titolo "Fassade" by Riccardo Militti. Se seguite la mia pagina instagram non avrete difficoltà a capire perchè: predominanza di geometrie ortogonali, bianco e linee decise. Riccardo è un siciliano che, spinto dalla fotografia, ha deciso di trasferirsi a Berlino da qualche anno, sono sicura che sentiremo parlare di lui molto spesso, nel frattempo lo trovate qui, dovete potete fare una passeggiata, anche solo virtualmente con lui e tra le sue fotografie...

Nel frattempo mi sono un po' divertita con la macchina fotografica, il risultato lo lascio commentare a voi, lo so che la strada per la perfezione è ancora lunga ma vedremo i progressi insieme, io e la vergogna abbiamo fatto un patto e sono pronta a mostrarvi tutto senza inganno!

Rimaniamo nel bianco, da cui non scappo più (almeno per questo mese ancora) e qualche idea regalo low cost ma interessante...
&+tazzina e piattino: ZARAHOME
il mio grande acquisto della settimana: il libro installation ART NOW
vaso poliedrico: by KORRIDOR
fiammiferi: HEALS London
portadocumenti: &otherstories
agenda di architettura: ARCHIVIA



renna porta vasi : HABITAT





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...